Progetti

Progettare, rivedere, limare, sperimentare, riuscire, fallire e ricominciare. Storie di tutti i giorni, progetti nati da chiacchiere con amici addetti ai lavori. Più o meno concreti, alcuni terminati, altri solo pensati.

Il mio primo progetto nasce nel 2009, in un soleggiato pomeriggio di luglio. Lo staff dell’azienda per cui lavoravo era alla ricerca di una piattaforma blog open source integrabile con un portale preesistente scritto interamente in ASP. Dopo averne provati molti, e pensando in questo modo di ridurre al massimo il tempo dedicato al progetto, si decise di optare per un classico (nel 2009) WordPress.

Anche quello, però, andava personalizzato: c’erano parti che non servivano, script da ottimizzare e plugin da sviluppare, oltre, naturalmente, ai continui aggiornamenti per la sicurezza che il CMS avrebbe richiesto per essere in line a con gli standard. Il problema, maggior, tuttavia, rimaneva l’integrabilità del CMS in PHP all’interno del nostro hosting windows in affitto su Aruba.

Fu così allora che , dopo aver aperto il Notepad, cominciai a scrivere un elenco di tutto ciò che mi piaceva dell’allora ultima versione di WP. Feci lo stesso con Blogspot di Google, passai su Splinder e su qualche altra piattaforma meno nota.

Con un mio collega di allora, dunque, strutturammo un database  ottimizzandolo il più possibile, dopodiché iniziammo a scrivere il codice. Suddividemmo il CMS in due cartelle, una per il back-office e una con le funzioni chiave per il front-end. Creammo poche pagine da settare per personalizzare la maggior parte delle variabili grafiche del layout e una terza pagina con un codice da incorporare nel proprio sito web laddove si desiderava un blog.

Un altro collega di allora che si occupava di grafica, si accollò il gravoso compito di pensare al nome della piattaforma e ad un logo. Fu scelta una mascotte, un gufo, a significare che la piattaforma sarebbe stata costantemente sveglia per proporre i nostri contenuti a chi avesse voluto leggerli. Banyto fu il nome della piattaforma e la distribuzione gratuita durò circa un anno. Nel 2010 in Italia contammo circa 500 installazioni attive del prodotto.  Successivamente continuammo a utilizzare Banyto solo per noi e l’ultima versione del software è sopravvissuta fino al 2018, ovvero fino alla precedente versione di questo sito.

Sfoglia gli altri progetti, e contattami se ti interessano…